Classe a colori partecipa al Global Junior Challenge 2017

Post in evidenza

Le classi raccontano le buone pratiche dell'Istituto Comprensivo Frosinone 4 alla Città Educativa di Roma

Città Educativa di Roma sabato 8 ottobre, 9.30 - 13.30 LE BUONE PRATICHE DI INNOVAZIONE NELLA DIDATTICA Mostra dei progetti realizzati d...

L'antico Egitto.


Gioco. Viaggio nell'antico Egitto

Visita la piramide!

Viaggio 3D nella piramide di Cheope



Luxor
Le piramidi di Giza, uno dei più famosi simboli dell'Antico Egitto




I giochi
Bambole
Il Senet 


Il Senet, il gioco più popolare dell’Antico Egitto, era un passatempo che appassionava ogni classe sociale e tutto ciò è confermato anche dal ritrovamento di un papiro, oggi conservato nel museo egizio di Torino che riporta l’immagine del gioco. In modo improprio la somiglianza nella disposizione delle caselle è paragonato all’odierna dama infatti il senet è una scacchiera rettangolare divisa in trenta caselle quadrate disposte su tre file parallele. Ogni giocatore lanciava dei bastoncini di legno che avevano la stessa funzione degli odierni dadi, dal risultato ottenuto potevano essere mosse le pedine che dovevano compiere l’intero percorso della scacchiera cercando di evitare alcune caselle che erano considerate “sfortunate”.

Ricostruzione del Tempio di Amon a Karnak

SCRIVERE IL PROPRIO NOME IN GEROGLIFICO
SONIA
 





La geometria dei Babilonesi per inseguire Giove

Pubblicato sull’ultimo numero della rivista Science, che vi dedica anche la copertina, uno studio che costringerà a rivedere i libri di storia. 

La ricerca è frutto del  lavoro di un unico autore, Mathieu Ossendrijver, professore di Storia della Scienza Antica alla Università Humboldt di Berlino.

Ossendrijver, che si è specializzato nella traduzione e interpretazione di tavolette d’argilla babilonesi in caratteri cuneiformi dal contenuto matematico-astronomico, ha trovato in cinque reperti databili tra il 350 e il 50 a.C. la prova chegli astronomi babilonesi prevedevano la posizione in cielo del pianeta Giove tramite sofisticati calcoli geometrici, e quindi non solo concetti aritmetici come si riteneva finora.


Qual era l’importanza del pianeta Giove per i Babilonesi?

«Loro calcolavano la posizione di tutti i pianeti, da Mercurio a Saturno, ma sembrano mostrare un particolare interesse per Giove. L’unica spiegazione che mi viene in mente è che questi astronomi che facevano i calcoli erano anche sacerdoti del più importante tempio di Babilonia, dove la divinità principale era Marduk , il cui pianeta simbolo era proprio Giove. Probabilmente, per gli astronomi babilonesi Giove era particolarmente importante perché pensavano fosse una manifestazione della divinità suprema di Babilonia. Naturalmente è solo un’ipotesi, perché nelle tavolette astronomiche i Babilonesi non ci hanno lasciato scritto né che Giove fosse un dio, né tantomeno la motivazioni dei loro calcoli.»

La libertà di sbagliare e crescere.

Al figlio a cui non viene concessa la possibilità di crescere accollandosi autonomamente il rischio di sbagliare, di fallire e di cadere, non verrà nemmeno insegnato come gestire il dolore della separazione, come rimediare ai propri errori e come fare a rialzarsi dopo un fallimento.
I genitori che fanno fatica a promuovere le capacità di svincolo dei loro figli faranno, dal canto loro, probabilmente fatica in futuro nel comprendere ed accettare la fisiologica necessità di confini tra il proprio nucleo familiare e quello che il figlio andrà a creare, quanto nel gestire l’uscita dalla famiglia di origine del figlio in maniera serena, senza percepirla come “un abbandono” o come un “tradimento”. Agnese Fiorino, psicologa clinica.

Un interessante articolo sulla necessità di contribuire alla crescita ed allo sviluppo dei propri figli passando per l'errore e per piccoli e gestibili fallimenti.

27 gennaio giornata della memoria

Primo Levi
Nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Ester Luzzati (1895 – 1991) e Cesare Levi (1878 – 1942), appartenenti a famiglie di origini ebraiche,
Il 22 febbraio 1944, Levi ed altri 650 ebrei, donne e uomini, vennero stipati su un treno merci (oltre 50 persone in ogni vagone) e destinati al campo di sterminio di Auschwitz in Polonia. Levi fu qui registrato (con il numero 174.517) e subito condotto al campo di Buna-Monowitz, allora conosciuto come Auschwitz III, dove rimase fino alla liberazione da parte dell'Armata Rossa, avvenuta il 27 gennaio 1945. Fu uno dei venti sopravvissuti dei 650 ebrei italiani arrivati con lui al campo.
L'ingresso al campo di concentramento di Auschwitz in inverno.
Se questo è un uomo è un'opera di Primo Levi scritta tra il dicembre 1945 ed il gennaio 1947. Rappresenta la coinvolgente ma meditata testimonianza di quanto vissuto dall'autore nel campo di concentramento di Auschwitz.

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.
(Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947)



La vita è bella è un film del 1997 diretto e interpretato da Roberto Benigni, interamente dedicato allo scottante tema dell'Olocausto.

Vincitore di tre premi Oscar, miglior film straniero, miglior attore protagonista (Roberto Benigni) e migliore colonna sonora (Nicola Piovani), su sette nomination totali, la pellicola vede protagonista Guido Orefice, uomo ebreo ilare e giocoso, che deportato insieme alla sua famiglia in un lager nazista, dovrà proteggere il figlio dagli orrori dell'olocausto.

La colonna sonora è di Nicola Piovani, per la quale è stato insignito dell'Oscar alla migliore colonna sonora nel 1999. Il brano La vita è bella è stato successivamente ripreso (con l'aggiunta del testo) dalla cantante israeliana Noa, con il titolo di Beautiful That Way

La vita è bella - Colonna sonora (original soundtrack) - brano: "La vita è bella"



La vita è bella trailer


Matematica, trovato il numero primo più grande

Matematica, trovato il numero primo più grande, ha oltre 22 milioni di cifre. Ecco perché è una scoperta importante.

Per leggerlo tutto occorrerebbero giorni, se scritto la sua lunghezza sarebbe di decine di chilometri. Fa parte dell’insieme dei numeri di Mersenne. Importante per la crittografia

Articolo del Corriere della Sera di Emanuela Di Pasqua
Per leggere tutto l'articolo ARTICOLO>>

Il numero primo più grande espresso con la formula del «numero di Mersenne»

Cruciverba sui Sumeri

Il cruciverba sui Sumeri per Giulia!

Cruciverba sui Sumeri https://dl.dropboxusercontent.com/u/102542152/SUMER.htm

Completa il cruciverba cliccando sui numeri e rispondendo alle domande. Se sei in difficoltà puoi cliccare sul pulsante "SUGGERIMENTO" per ricevere la prima lettera della parola. Quando hai completato tutto il cruciverba clicca sul pulsante "VERIFICA" per vedere il tuo punteggio.

E poi...

Cruciverba Matematico -

Scrivi in cifre i risultati
Puoi completare il cruciverba cliccando sui numeri del cruciverba per vedere in alto la definizione, oppure completando le definizioni in basso e cliccando su enter. Se hai bisogno di aiuto clicca sul pulsante suggerimento. http://www.seregnoprimo.it/bambini/e_b_gioco/b_cruciverba/matematico.htm

I vulcani

La simulazione dell'eruzione di un vulcano e le diverse tipologie di vulcani che si ottengono modificando i parametri dell'eruzione.



Vesuvio, la grande eruzione del 79 d C - Video grafica 3D

Eruzione del Vesuvio del 1944 - Istituto Luce


Isola di Stromboli, Eolie - eruzione vulcano (HD)

Post correlati

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

Etichette